Fotovoltaico






Produrre energia grazie al sole è garanzia di efficienza assoluta in quanto siamo di fronte ad una fonte inesauribile e totalmente esente da qualsiasi possibilità di inquinamento atmosferico. La tecnologia fotovoltaica trasforma l’energia solare incidente sulla superficie terrestre sfruttando le note proprietà del silicio.

Di norma gli impianti si dividono in 2 tipi:
  1. impianti “ad isola”: impianti che fruttano direttamente sul posto l’energia prodotta, non connessi ad alcuna rete di distribuzione.
  2. impianti “grid-connect”: impianti connessi ad una rete di distruzioni e gestita da terzi.
I moduli fotovoltaici costituiscono l’essenza dell’impianto in quando la loro esposizione alla radiazione solare determina la produzione di energia elettrica. Il modulo è composto da silicio che opportunamente trattato da luogo alla conversione dell’energia luminosa in energia elettrica. Essi sono composti da celle, che possono essere a silicio monocristallino, policristallino, a film sottile o “thin film”. Questi tipi diversi di celle si differenziano in molti aspetti, quelli più evidenti sono l’aspetto esteriore e l’efficienza. La struttura dell’impianto può essere di vario tipo, acciaio zincato a caldo o in alluminio. Vengono poi installati sulla superficie degli ancoraggi o delle zavorre. Il tecnico provvederà a studiare il migliore orientamento e inclinazione rispetto al piano.

L’inverter è un altro strumento indispensabile all’impianto fotovoltaico, poiché permette la conversione da corrente continua a corrente alternata con frequenza di 50HZ. Gli inverter sono dotati di dispositivi di protezione interfaccia che permettono lo spegnimento dell’impianto in caso di black-out o disturbi della rete.

Il sistema di controllo comunica con l’inverter, questa apparecchiatura tiene controllato il buon funzionamento dell’impianto. Con l’ausilio di un PC si possono visualizzare grandezze su display luminosi/schermi e registrare misure.

PERCHE’ INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?
  • ECONOMICO: sostenere i propri consumi energetici permette un risparmio di denaro nel medio periodo rispetto al tradizionale sistema di approvvigionamento di energia.
  • ECOLOGICO: l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia consente infatti di ridurre notevolmente la propria impronta ecologica, abbattendo le emissioni di anidride carbonica in atmosfera
  • ENERGETICO: il possesso di un impianto permette di raggiungere l’autosufficienza attraverso l’ autoconsumo e di produrre un quantitativo di energia in grado di coprire il fabbisogno energetico semplicemente sfruttando una fonte di energia pulita ed inesauribile